Mio Ritmo – Prima Edizione

cuore

Premessa

Durante questo lockdown, quando oguno di noi ha dato il peggio e il meglio di sè, molti Runner si sono schierati contro “runner improvvisati” ritenendoli usurpatori ingiustificati di spazi per correre…

Ma quando si è “veri” Runner? Non bastano scarpe costose e abbigliamento composto da accessori esclusivi… un vero Runner è colui che sa gestire il Ritmo, sa correre ad un determinato passo/km anche senza utilizzare costosi gps, sa cambiare passo in base alle sensazioni e alla strategia, non certo grazie al pacer di turno…

E’ quindi questo il tempo per imparare a conoscere il proprio Ritmo e magari ad usare a proprio vantaggio le restrizioni che non permettono di gareggiare insieme. 

Ed ecco l’idea di correre puntando ad un passo sostenibile e cercare di tenerlo fino alla fine, vince chi va più vicino al tempo dichiarato!

Regolamento

Per non incorrere in nessun problema etico o morale si corre individualmente, è suggerita la location del “rettilineo della Farnesina” cosi come lo chiamiamo noi ma si corre a turni per non generare assembramenti e ognuno per proprio conto.

Si fa il giro di prova per sentire le sensazioni attuali misurate con il percorso, si guarda il tempo impiegato e si procede con la puntata: si dichiara il tempo/giro previsto e si effettuano 5 giri.

Si lappa ogni giro e poi si confrontano i giri reali con il giro dichiarato. Vince chi ha la differenza più bassa. Ovviamente si corre a Sensazione, ovvero il Ritmo più veloce senza faticare troppo… Nelle prossime edizioni verrà utilizzato questo tempo come confronto per ulteriori “bonus”

Quindi non c’è distinzione di sesso e/o categoria, tutti al nastro di partenza possono vincere, niente e’ scontato… neanche se sei il coach!

Ritrovo

Ci sono diversi momenti per svolgere la “gara” anche perchè il risultato è in totale autocertificazione, tanto per essere allineati con il momento. Conta poco il posto, importante è seguire il regolamento. In ogni caso al Rettilineo della Farnesina si sono svolte alcune prove nei seguenti orari:

  • ore  7:00
  • ore 10:00
  • ore 11:00
  • ore 19:00
Quelli delle 07:00
Quelli delle 10:00
Quelli dell 11:00
Quelli delle 19:00
Quelli del giorno dopo…

La Gara

Per completare al meglio questo paragrafo ognuno dovrebbe scrivere le proprie sensazioni, se arriveranno resoconti verranno aggiunti in questa sezione dell’articolo. Per quel che mi riguarda è stata una bella emozione indossare di nuovo la canotta Orange e indossare un pettorale!!! Mi sono subito chiamato fuori dalla classifica finale in quanto certo di essere troppo favorito in gare di questo tipo, ma non ho tenuto conto dei fattori che incidono sul mio spirito competitivo a dir poco… esagerato! Al via ho sentito un fuoco divamparmi dentro! Il bracere non si è assopito e anche questa che è “solo” una simulazione mi ha ugualmente posizionato in corsia di una pista virtuale per esplodere tutta l’adrenalina accumulata!!! Ma non è spingere l’obiettivo del giorno… bisogna gestire il Ritmo dichiarato e allora provo a contenere l’esplosività, cosa che altri partecipanti non hanno saputo fare, mi attesto ad un Ritmo costante e compio i 5 giri previsti.

Eccomi all’arrivo del quinto giro

La Classifica

Qualcuno ha capito il regolamento, qualcuno ancora lo deve capire, magari la seconda edizione andrà meglio, ovviamente cambieranno il numero di giri e la condizione quindi non è mai niente scontato…

Classifica della Prima Edizione di MioRitmo

Classifica Finale MioRitmo- Prima Edizione