Un Cinquemila per Variare …

Quando metti in programma un Cinquemila già lo sai quale potrebbe essere la reazione del gruppo :”Nooooooooooooooooooooooo”!!!

La pista richiama ripetute a Ritmo Veloce, pochi giri , ma intensi … del resto cosi ho abituato coloro che alleno: Intensità, Ritmo, in pochi chilometri riprodurre lo sforzo mentale e fisico di una Gara di Resistenza!!!

Ma la Resistenza ha bisogno anche di sforzi prolungati ogni tanto e allora ecco arrivato il momento di un bel cinquemila metri!!!

Dobbiamo potenziare e quindi aumentare le capacità aerobiche e la forza. Il cinquemila diventa un “lungo” fartlek , ovvero una Variazione di Ritmo composta da 200mt corsi a Ritmo Gara (ideale) di una 10Km e 100mt corsi a Ritmo Medio (Ritmo Gara + 30″/Km).

I nostri allenamenti sono finalizzati ad un obiettivo ma cercano di arrivarci con sedute sempre diverse, impegnative ma … divertenti.

Dico spesso che correre non è spostare il corpo o peggio trascinarlo, dalla partenza all’arrivo, è un movimento atletico e mentale di alto livello, se effettuato correttamente! Si usano tutte le catene muscolari e non si può dimenticare l’impegno mentale!

La concentrazione è fondamentale, distoglie dalla fatica. Nei nostri allenamenti non impariamo solo a perfezionare il gesto atletico, ma anche a utilizzare la forza mentale per superare la fatica, o nel peggiore dei casi a distrarre la mente dai messaggi negativi che uno sforzo prolungato emette con l’intento di rallentare o peggio … fermarsi!

Superare brillantemente questi momenti si chiama : Resistenza!

E il 5km di oggi è una prova di Resistenza. Ho apprezzato molto che durante la doccia qualcuno abbia centrato l’obiettivo dell’allenamento, che come il ForresTeam LAB insegna, era al debutto, per proporre prove motivanti  … Peccato che la doccia mi offra solo le considerazioni “maschili”, devo assolutamente iniziare a fare la doccia anche con la rappresentanza femminile per avere un feedback più esaustivo.

E’ importante per me avere il riscontro del gruppo, specialmente quando sperimentiamo, che non significa … improvvisiamo! Sperimentare è mettere in pratica il prodotto di esperienza e di ricerca innovativa.

Non ci stiamo inventando niente dal punto di vista fisiologico, ma si sperimentano sistemi di allenamento orientati a produrre il massimo beneficio in un  tempo ristretto (alle 19:30 ci cacciano dall’impianto!!!) e potenziando più elementi in contemporanea : respirazione, forza, velocità e soprattutto mente .

Le considerazioni “docciate” parlavano di un allenamento meno faticoso sia come impegno fisico che mentale. L’essere costantemente concentrati a cambiare passo ha distolto la mente da pensieri negativi, il dividere la “lunga distanza” in tanti frammenti a dilazionato la fatica portandola a livelli minimi .

Unico problema di questo allenamento è … fermarsi al momento giusto! Presi dal conteggio dei 100mt e 200mt si perde la cognizione dei giri e non sai più quanti ne hai percorsi!!! Questo è un bene, specialmente per gli inguaribili “contatori” che stanno sempre a verificare quanto manca alla fine …

Nel mio treno non c’era nessuno in grado di saper dire a che punto fossimo. Ma poi con un paio di deduzioni siamo arrivati a definire che eravamo all‘ultimo 800mt!

Un allenamento di questo tipo è una sollecitazione incredibile alla muscolatura, tirare e poi rallentare provoca restrizione e allungamento muscolare, un esercizio di potenziamento eccezionale!

Ma questo comporta una controindicazione che ho “urlato” a chi , sprovveduto, ha improvvisato una volata finale!!! Niente di più sbagliato! Un assist perfetto per uno strappo muscolare!!! Se hai tutta questa energia per fare la volata, vuol dire che ti sei risparmiato durante le ripetute veloci!!!

Variare il Ritmo ma … con regolarità!

Costanti i 200mt Ritmo Gara e Costanti i 100mt Ritmo Medio.

Difficile cambiare cosi tante volte nello spazio di 20/25 minuti a seconda del Ritmo sostenuto. Per fare un po’ di numeri :

  • 33 cambi di Ritmo 
    • 17 volte 200mt a Ritmo Gara 
    • 16 volte 100mt  a Ritmo Medio.

Una Variazione Incredibile!!! Un lavoro muscolare intenso!

Sono curioso di LEGGERE i tempi di ciascuno nella tabella per vedere la percentuale regolarità osservata. Ottimo effettuare questo allenamento in gruppo, per avere sostegno e aiuto nel gestire i Ritmi.

Per completare la preparazione atletica che svolgiamo in ogni allenamento, abbiamo iniziato con Riscaldamento, poi le Andature in pedana , la sessione di Ripetute con un 5km a Variazione e poi defaticamento, tutti insieme.

grupo

Immancabile la foto, che testimonia l’unione del gruppo, che poi è la nostra Forza!!!

diagonale

Domenica prossima , per chi vuole, tutti invitati all’allenamento mattutino impianto Pietro Mennea, appuntamento alle ore 9:45 

Dajeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee