Trofeo Liberazione 2021

schierati

Premessa

Benvenute queste manifestazioni di Atletica Leggera promosse dai Comitati Provinciali e Regionali FIDAL!

Queste gare la possibilità ad atleti di elevata qualificazione di realizzare i minimi per le competizioni nazionali ed internazionali e ad atleti meno qualificati di ammirare le gesta dei TOP e di cimentarsi con discipline/distanze forse non troppo congeniali ma non per questo meno emozionanti

Sono anni che incessantemente, nonostante non pochi ostacoli, mi cimento nel cercare di coinvolgere gli atleti a partecipare alle gare di atletica leggera. Molti sono indecisi, alcuni impauriti, e alla prima richiesta tutti rispondono:”Chi ? Io? Ma quando mai…” o qualcosa di simile… ma prima o poi cedono e nessuno si pente della scelta!!!

Certo confrontarsi nella categoria Assoluti e gareggiare in un’unica categoria anche con atleti molto più giovani puo’ essere difficoltoso, ma il vero avversario in queste competizioni è la propria prestazione, la misura o il tempo da raggiungere e il piacere di vivere un’esperienza davvero speciale!

Le gare

Il bello di queste competizioni è che offrono la possibilità di sperimentare anche i concorsi, oltre le corse e per quanto riguarda queste ultime sono presenti distanze desuete come i 1000mt per esempio.

Distanze che non sono olimpiche ma sono propedeutiche per mettere velocità o resistenza ad atleti che normalmente sono orientati alle classiche distanze.

Velocità se la gara propone disanze piu’ corte della gara classica, ad esempio i 300mt per i quattrocentomentristi, e i 1000mt per chi fa normalmente gli 800mt

Il ForresTeam con i suoi tesserati per la Podistica Solidarietà e X-Solid Cani Sciolti si è presentato a partecipare ai 400mt e ai 1000mt. Il bello dell’allenamento di gruppo che c’è condivisione e collaborazione tra i vari atleti e nessuni risparmia un incitamento per gli altri anche se appartenente ad altri colori sociali!

La fase più importante: il riscaldamento

1000mt

Come si affronta questa distanza? 

Non c’è ovviamente una modalità teorica vincente, ma come faccio sempre, c’è un modo consigliato per gestire al meglio la mente, che in questa gara conta all’80%.

E’ una gara cosi veloce che non si fa in tempo a mollare!!!

Certo si puo’ crollare, specialmente si se fanno partenze scellerate, si paga all’ultimo giro, quello che poi è decisivo per la prestazione.

Io consiglio di farsi “trasportare” anche dall’enfasi dei primi 200mt ma senza esagerare, poi effettuare un giro a ritmo, quello migliore prospettato, e poi approcciare l’ultimo giro segmentando i primi 100mt per trovare carica ed energia mentale, altri 150mt per mantenere questo stato di concentrazione e determinazione, e poi gli ultimi 150mt si suona la carica finale. 

In questo tratto finale è una fortuna trovare qualche avversario da puntare e superare, ma solo quando si arriva nel rettilineo, spostarsi sulla corsia nella quale ci troviamo meglio per sferrare la volata finale e tenere fino all’arrivo!!

Le nostre Donne del Mille

Le prestazioni

NominativoTempo
Carla0.03.52.46 P.B.
Laura0.03.59.04 P.B.
Rosaria0.04.07.21 P.B.

L’intervista delle Donne del Mille

Carla

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
Come al solito
2. Sensazioni prima della gara?
Perché sto qua. Fa caldo
3. Quale tempo pensavi di fare?
Zero previsioni è la prima gara così breve
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
Non devo andare dietro alle prime
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
Tranquilla.
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
Quella che è poi arrivata seconda si è infilata da dietro tra me e Rosaria sgomitando
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
Quando agli 800 mi ha sorpassato la quinta ho rosicato perché potevo dare molto di piu
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
Purtroppo nessuno
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali?
Leggero dolore alla milza. Bocca asciutta
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?
Penso la gola asciutta a metà. Forse ho corso con la bocca aperta. Non so
12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Nessuno
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
Si
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Devo concentrarmi, avrei potuto arrivare quinta

Laura

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
Mi sono addormentata tardi ma ho dormito perchè sapevo che la gara era nel pomeriggio; in genere nelle gare della mattina dormo poco e male.
2. Sensazioni prima della gara?
La sensazione che ho avuto è stato “che ci sono venuta a fare”?! Sentivo il battito del cuore comese uscisse dal petto, anche se i battiti erano bassi… quando ho un pò di ansia mi capita questa sensazione.
3. Quale tempo pensavi di fare?
Non avevo la minima idea di cosa avrei fatto… sapevo che dovevo correre piu veloce senza morire strada facendo, ma non avevo programmato nulla… non sono riuscita nememno a guardare mai l’orologio.
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
Prima della partenza ho scherzato con le ragazze della serie, per allentare un pò la tensione.
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
Quando ho sentito “ai vostri posti” mi è venuto da sorridere, perchè ho pensato a tutte le volte che ce lo dici tu nella simulazione della gara… aspettavo lo sparo che si ha messo qualche secondo ad arrivare, ma ero serena e concentrata.
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
Alla partenza mi sono subito “preoccupata” di mettermi in corda e ho sentito qualche sgomitamento… sapevo di essere partita veloce e che quella velocità forse sarebbe stata eccessiva per la tutta la gara… poi i dolori che avevo mi hanno ricordato di non fare troppo la “sborona”… sono partita, ho passato i 200mt a 45 secondi (sentivo di correre piano però), ho cercato di mantenere, spalle respiro braccia… un minestrone; poi il tuo urlo “supera ora” mi ha fatto capire che si poteva accelerare e cosi è stato… mt dopo mt ho cercato di velocizzare il passo e ho superato altre due ragazze giovani (orgogliosa!!)… gli ultimi 100mt come mi avevi detto, ho superato di nuovo e ho tenuto. All’arrivo petto in avanti ed era fatta 🙂
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
Sentivo bruciare il respiro in gola, però per fortuna la testa non mi ha mai detto “non ce la faccio”
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
Sono stati sicuramente quando ho superato 3 ragazze giovani giovani
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali? Anca, fianco.. i soliti insomma
Anca, fianco.. i soliti insomma
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?
Anca, fianco.. i soliti insomma
12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Anca, fianco.. i soliti insomma
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
Assolutamente si! è un’esperienza incredibile che almeno una volta va provata
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Mi sono resa conto che i limiti esistono solo quando ce li imponiamo… che con lavoro, dedizione e un pizzico di divertimento, si fanno cose che non avremmo mai immaginato!

Rosaria

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
Male
2. Sensazioni prima della gara?
Sto qui
3. Quale tempo pensavi di fare?
4’00”
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
“Quanto parla sta gente intorno a me”
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
Eccoci
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
ho seguito le altre senza pensare
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
Ultimi 200 difficili
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
Nessuno
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali? 
Nessuno
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?
No
12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Nessuno
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
Non saprei, non mi ha esaltato
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Potevo gestire meglio ma è già tanto averla fatta. mi sento ancora un pò stordita, sarà il vaccino. Boh
Non cerco giustificazioni, comunque. Non mi sono impegnata più di tanto: non avevo ansie, proprio perché non avevo pretese

I nostri Uomini del Mille

Le chiodate!

Le prestazioni

NominativoTempo
Scamarcino0.03.21.16 P.B.
Forrest0.03.26.67
PitBull0.03.27.23
Alessio0.03.49.52
Duca0.04.04.53

L’intervista agli Uomini del Mille

Scamarcino

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
benissimo
2. Sensazioni prima della gara?
 un pochino agitato, ma niente di che
3. Quale tempo pensavi di fare?
un buon tempo , forse perché sapevo di avere un pilastro vicino a me il coach!!
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
devo stare dietro a Marco almeno per 400mt ma…
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
abbastanza tranquillo, solo quando sono partito si è presentata la mia ansia, ma poi l’ho fatta scappare
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
c’è stata un’ammucchiata. Mettermi in corda dietro a Marco è stato difficile, ma con un pochino di prepotenza sono entrato
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
nessuno
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
quando ho superato l’avversario avanti a me negli ultimi 100 mt
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali? 
nessun dolore… e poi avevo le mie scarpette chiodate raggianti
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?

12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Nessuno,
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
certo che sì!! Troppo bello!!
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
di partire e affrontare la gara da subito con caparbietà e senza farsi troppi problemi, (ovvio dietro un buon allenamento).

Forrest

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
Ormai mi agito per i miei atleti più che per le mie prestazioni…
2. Sensazioni prima della gara?
Ho peccato di gola per un’occasione speciale e ora la pagherò! Il panino ‘ndujo mi sta a mezz’asta e ho le labbra di cartone!
3. Quale tempo pensavi di fare?
3’20” ma la vedo difficile, diciamo che un 3’25” di puo’ fare!
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
Non penso a me, penso ai miei atleti
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
Un attimo prima hanno minacciato di sospendere la manifestazione!!! Quindi concentrazione ormai persa…
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
Ho preso la corda, come SI DEVE FARE e mi sono fatto largo, come si PUO’ FARE
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
Ogni metro per il panino che ostava tutto!
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
Quando ho fatto il mio per portare Scamarcino almeno per 600mt
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali? 
Ho un fortissimo dolore al piede sx da un bel po’…
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?
Cambio di passo, non me l’ha permesso…
12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Nessuno,
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
Lo faccio con tutto me stesso da almeno 10 anni e ogni tanto per fortuna qualcuno mi ascolta!!!
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Che quando si gareggia bisogna dare ed essere al massimo, altrimenti si sta a casa o sugli spalti! Nella vita ci sono priorità…

PitBull

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
Normale
2. Sensazioni prima della gara?
Oggi per me dopo più di un anno è stata la prima gara vera e mettermi nuovamente un pettorale è stata una grande emozione
3. Quale tempo pensavi di fare?
Io pensavo di fare 3’32”
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
A nulla. Ero molto concentrato
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
Molta emozione. Era tanto tempo che non sentivo quella frase.
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
Mi hanno chiamato per primo quindi ero in una brutta posizione ed alla partenza mi sono passati quasi tutti davanti
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
Nei 600 metri ho avuto un momento di difficoltà, pensavo di non riuscire a tenere.
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
Negli ultimi 300mt perché vedevo che il distacco con l’atleta che mi precedeva si stava riducendo quindi mi sono concentrato su di lui e negli ultimi 150 metri quando lo stavo superando è stato il momento che mi sono esaltato di più.uando ho fatto il mio per portare Scamarcino almeno per 600mt
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali? 
Nessun problema pre-gara.
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?

12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Nessuno,
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
Assolutamente si
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Cercare di reagire sempre nei momenti di difficoltà per poi raccogliere tante soddisfazioni a fine gara.

Duca

Come è andata la gara?
Prima della gara dormito agitato
Pensavo di migliorare il tempo…sotto i 4′
Da venerdì avevo dolori al nervo sciatico
Ho pensato di correre sotto la soglia di dolore
In gara non riuscivo a spingere con la gamba sinistra
Non sono riuscito a impostare un ritmo passo respirazione
Ma alla fine ho pensato di rimandare i buoni proposti di scendere sotto i 4′ nella prossima gara… forma fisico permettendo.
Ogni gara è a se… questa e andata…

Dajeeeeeeeeeeee

Alessio

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
Benissimo. Ero morto per la corsa mattutina (non lo dire a forrest 😀)
2. Sensazioni prima della gara?
3. Quale tempo pensavi di fare?
 3’40”
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
Sei una pippa, cerca di non arrivare ultimo 😊
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
Tutta la gara. Una sensazione di fatica superiore all’atteso
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
Nessuno
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali? 
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?
12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Un pò di appesantimento del giorno prima, ma onestamente non credo abbia influito per più di 5 secondi
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
Si, ma facendo preparazione specifica
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
 Ognuno deve fare il suo lavoro. Sono pippa in generale, ma in pista in modo particolare 😀

400mt

La nostra Donna del 400mt

Pronta a partire…
FotoFinish

La prestazione

NominativoTempo
Cristina0.01.28.06 P.B.

L’intervista a Cristina, la Donna del 400mt

1. Come hai dormito la notte prima della gara?
Molto bene ma al risveglio il primo pensiero è stata la gara.
2. Sensazioni prima della gara?
Un po’ di ansia nell’attesa e nella testa ho pensato più volte al corretto  movimento da fare alla partenza
3. Quale tempo pensavi di fare?
Pensavo non meno di 1’40”
4. Cosa hai pensato prima della partenza?
ho pensato che siamo abituati a correre in prima corsia e a me hanno dato la sesta, mentalmente poteva essere uno svantaggio visivo. Poi ho anche pensato se fossi stata capace a posizionare bene il blocco. 
5. Sensazione al momento di “ai vostri posti”
E’sceso il silenzio dentro di me ed ho eseguito i movimenti precisi che mi hai insegnato
6. Cosa e’ successo alla partenza (breve descrizione)
7. [Per chi è partito dai blocchi] Come e’ andata?   Al pronti mi sono sollevata e tenuto il massimo della concentrazione per essere pronta a scattare allo sparo. Ho fermato il cuore che palpitava e..partita! È andata benissimo
8. Momenti di difficolta’ durante la gara? Quando?
 La curva non so perché mi mette sempre in difficoltà, penso di rallentare forse non so.
9. Momenti di esaltanti durante la gara? 
Esaltanti gli ultimi 100
10. Problemi/dolori pre-gara? Quali? 
Nessuno
11. Se si hanno inciso sulla prestazione? Dove?
Quando?
Nessuno
12. Problemi/dolori durante gara? Quali?
Nessuno,
13. Problemi/dolori post-gara? Quali?
Nessuno
14. Consiglieresti questa esperienza ad un tuo compagno di squadra/allenamento?
Certo che la consiglierei!
15. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
 L’insegnamento per questo genere di gara per me è che sarebbe stato un peccato non provarla. Io ho il maledetto vizio di scegliere cose al di sopra delle mie possibilità e di mettermi alla prova

Conclusioni

Doverosi i ringraziamenti agli organizzatori che hanno svolto un lavoro immane visto l’altissimo numero dei partecipanti.

Grazie sempre al gruppo GDG che con la loro passione permettono il regolare svolgersi di queste manifestazioni

E grazie ai miei atleti che hanno partecipato e anche a coloro che trepidanti hannno seguito da remoto le loro gesta!

Liberazione è anche vincere le proprie paure e mettersi in gioco!

A queste manifestazioni si può arrivare con diverse preparazioni più o meno specifci obiettivi, ma non è mai un errore mettersi in gioco, partecipare e provare  a vivere emozioni uniche e speciali che si possono avere solo all’interno di un impianto di Atletica Leggera.

Leave a Reply