Ottobrata di Atletica

coach

Premessa

Anche se  il Meteo prevedeva piogge abbondanti… noi ci ciamo dato lo stesso appuntamento allo stadio delle Farnesina per passare una domenica mattina a respirare e praticare Atletica Leggera

E come tradizione vuole, quando c’e’ il coach c’è sempre il Sole e abbiamo potuto svolgere teoria  e pratica prendendo solo qualche misera goccia in alcuni istanti della mattinata, ma godendoci un meraviglioso Sole d’ottobre per quasi tutto l’allenamento

Arrivati allo Stadio abbiamo osservato un’insolita quantità di runner che da come correvano e dal tipo di allenamento che svolgevamo abbiamo subito identificato come percorritori di chilometri “inutili”!!!

La pista ha le sue regole e non solo è bene conoscerle ma è opportuno rispettarle!!!

Ma noi non ci siamo curati e abbiamo iniziato con un riscaldamento tutti insieme la nostra mattinata di Preparazione Atletica  : teoria e pratica!


Ostacoli

Gli “amati” e “odiati” ostacoli sono un elemento fondamentale per la coordinazione e non sono un esercizio specifico ma sono importanti per tutte le discipline sportive e in special modo per la corsa. Insegnano  a migliorare il gesto atletico ed ad utilizzare tutte le catene muscolari.

Quindi abbiamo approcciato l’ostacolo prima con un esercizio di Ritmo, posto quasi come un gioco a staffetta. Quello che è un elevato esempio di coordinazione poteva apparire come un balletto, difficile all’inizio ma poi sempre piu’ agevole.

Poi siamo passati all’esecuzione analitica del gesto atletico, spezzettando il passaggio ostacoli in prima gamba, seconda gamba, stacco, e movimento delle braccia.

Per arrivare infine ad eseguire il gesto globale con il passaggio di 3 ostacoli

 

una fase de gesto globale di passaggio dell’ostacolo

Come hanno affrontato gli ostacoli i nostri atleti:

  • GajarDoc : E’ un professionista. Impeccabile il suo stile anche se molto autodidatta. Esagera un pò nel superare ostacoli anche più bassi.Un ostacolo va sempre passato al limite, senza strafare
  • Top : Inizio molto incerto, poi man mano che acquisisce sicurezza mostra una certa disinvoltura nei passaggi. Ascolta e mette in pratica i consigli e alla fine ne esce anche un buon stile
  • PitBull : Totalmente negato all’inizio, impaurito dell’altezza e del gesto atletico si scioglie piano piano e alla fine mostra anche un passaggio accettabile
  • Milla : probabilmente non ha mai saltato prima, ma dopo un inizio titubante e sicuramente inadeguato acquisisce lo stile e la postura buone per passare. Grande evoluzione
  • Titty : Qualche volta ha provato ma ha sempre desistito per incertezza e paura. Oggi molto piu’ coraggiosa e intraprendente ha migliorato e non poco il passaggio
  • Cristina : Totalmente scevra all’ostacolo e anche molto restia a finito che non voleva smettere più. Ottima applicazione
  • Gioia : un vero portento, sembra tagliata per passare l’ostacolo anche ad altezze da gara! Un po’ lenta nell’approccio ma efficace nello stile. Sulla velocità dobbiamo lavorare ovunque!
  • Rosy : All’inizio più predisposta a passare sotto anziche sopra l’ostacolo, poi ha preso coraggio e metodologia. Ascolta e mette in pratica e … passa!!

Salto in Alto

Poi ci siamo spostati sulla pedana del Salti in alto. Anche in questa disciplina abbiamo iniziato con una fase analitica che è partita dalla corsa balzata circolare.

Dopo un tuffo tutti insime per “assaggiare” il materasso, abbiamo effettuato le rincorse per arrivare allo stacco, ancora senza asticella

Come hanno affrontato il salto in alto i nostri atleti:

  • GajarDoc : Ha molta forza sulle caviglie e anche se sbaglia la rincorsa va su e salta l’asticella!Attenzione ad alzare il fondoschiena per arrivare a misure prestigiose
  • Top : Insospettabile capacità multidisciplinare, si impegna, si mette in gioco e salta! ottima elevazione
  • PitBull : Sempre difficoltoso mettersi in gioco sulla spinta delle gambe ma dopo le “solite” incertezze iniziali sfodera anche qualche buon salto!
  • Milla : Anche qui siamo alle prime armi, ma dopo aver compreso i fondamentali si eleva in alto e salta!
  • Titty : Lei è esperta e ha anche gareggiato nell’alto… oggi ha mostrato qualche capacità in più !
  • Cristina : Difficile e non poco ergersi sopra l’asticella, ma dopo un inizio terrificante si vedeno i risultati e salta!
  • Gioia : le doti atletiche si evidenziano anche qui e passa l’asticella mettendo anche il giusto posizionamento del braccio che passa oltre. Sempre lentezza nella rincorsa e perdita totale della spinta soppiantata pero’ da una buona predisposizione all’elevazione
  • Rosy : si diverte e si applica che e’ il massimo per ottenere risultati. Non è il suo sport ma sono certo che da oggi in poi non vedra’ piu un materasso del salto come un oggetto sconosciuto

In seguito rincorsa e stacco con atterraggio sul materasso, spiegando l’importanza di staccare con una sola gamba e inarcare la schiena in fase di volo.

Ed infine, si è posizionata l’asticella e si sono affrontati i salti nel gesto globale

Salto Triplo

Dopo i salti in elevazione, un esempio, il piu’ complesso ovviamente, di salti in estensione.

Per facilitare l’approccio sono stati posizionati 3 cinesini. I primi due gialli e il terzo arancione. Questo per facilitare le fasi si Hop – Step e Jump tipiche del salto triplo, una disciplina tutt’altro che facile dell’Atletica Leggera

Con l’aiuto visivo dei cinesini e dopo aver compreso i giusti appoggi per effettuare il salto, sono iniziati i tentativi, devo dire ben riusciti di eseguire il salto.

 

Come hanno affrontato il salto in alto i nostri atleti:

  • GajarDoc : purtroppo e’ dovuto andare via ma le sue doti di saltatore lo avrebbero sicuramente messo a proprio agio
  • Top : E anche qui il Top mostra ottime predisposizioni e una caviglia che spinge e non poco specialmente nella fase STEP. Da rivedere per eventuale utilizzo ai CDS
  • PitBull : Prima non voleva assolutamente saltare, predisponendosi sempre in modo totalmente refrattario, ma poi ci prova e riesce! Ottimi risultati visti i presupposti
  • Milla : Il triplo non è per niente facile eppure esegue il gesto in tutta la sua completezza. Qualche sbavatura in eccesso di confidenza ma se concentrata riesce, eccome se riesce
  • Titty : Quasi impossibile arrivare in buca, causa i numerosi attriti che mette in ogni segmento di salto, ma poi la cabarbietà prevale e riesce!
  • Cristina : Se rimanda i gnocchi per fare il triplo allora è un vero successo per tutti! Dapprima uno sconosciuto e poi un compagno per prossime avventure!
  • Gioia : Le faccio provare una battuta impegnativa e riesce! Oggi abbiamo scoperto un’epta-atleta! Resta una lentezza cronica da sveltire al piu’ presto
  • Rosy : inizia con la campana e poi riesce nel gesto atletico. Sorprendente e forse anche sorpresa di sè stessa! Ottimo

Partenze dai Blocchi

A conclusione della giornata una lezione sulle partenze sia per gare di mezzofondo e/o ripetute che per gare di velocità e quindi utilizzo dei blocchi di partenza

Spero di aver chiarito l’importanza di partire bene per ottenere immediatamente il ritmo adeguato della prova da sostenere

Come hanno affrontato la partenza i nostri atleti:

Qui non è il caso di vedere singolarmente le prestazioni in quanto tutti hanno manifestato una necessità di lavorarci sopra e non poco! Del resto i blocchi non si improvvisano e invito tutti a partecipare alle prossime sessioni di preparazione atletica in quanto partire dai blocchi non è sempre obbligatorio ma è comunque dignitoso!!!

Conclusione

Leave a Reply