con Laura a lezione da Luca

Abbraccio

Sono tante le lezioni di vita che ho ricevuto correndo … e alla corriAmo a Ronciglione ne ho avuta una speciale molto significativa !!!Luca Pulino ha scritto un libro utilizzando un lettore ottico in quanto la SLA non gli permette di scrivere in modo tradizionale.Il titolo del libro è :”E il meglio deve ancora venire“.

Nell’ immaginario comune il supereroe è quello con il mantello e la maschera mentre gli eroi sono quelli che hanno dato la loro vita pur di salvarne altre. Nel quotidiano, invece, ci sono tante persone che lottano ogni giorno non perdendo mai la speranza e regalando ottimismo a chi lo perde purtroppo per troppo poco.

Luca è uno di questi eroi, perché basta guardarlo per ricevere la sua energia”.

Seppur in  numero esiguo, noi della Podistica Solidarietà siamo andati a Ronciglione per lui, per essere vicini alla ricerca, per sostenere, anche se solo con  la presenza, il messaggio che si può sempre migliorare!!!

Abbiamo visto un paese in

tero e i paesi limitrofi stringersi intorno alla causa e dare un evidente segno di sentita partecipazione , tutti in maglia bianca a marciare e sostenere la ricerca, perchè laddove le istituzioni latitano le brave persone sono sempre presenti in prima linea.

IoeLauraE tutto questo lo dobbiamo ad una forza della natura dai capelli rossi, una bellissima donna fuori ma soprattutto dentro, una grande atleta che ha “inventato” questa manifestazione, ha radunato sponsor importanti, senza i quali nulla è possibile ed ha coinvolto tutti a partecipare a questa bellissima manifestazione che è importante lezione di vita ,  la vedi sfoggiare mise  mozzafiato o tenute da runner con la stessa affascinante disinvoltura, lei è Laura (Run) Sperati !!!

Grazie alle brave persone, alla solidarietà, all’impegno , alla volontà si riesce ad organizzare manifestazioni che non seguono la logica di business ma arricchiscono l’anima !!!

Seppur in mezzo alla settimana e con partenza “proibitiva” alle 18:30 si può dire che la gara ha avuto un discreto successo di partecipazione alla competitiva e un numero  fantastico di adesioni alla camminata non competitiva .

Ore 18:30 dopo la  foto di rito sotto il gonfiabile e l’urlo che contraddistingue la nostra società si parte al  termine del conto alla rovescia!

Podistica

Impegnativo non poco il percorso che come spesso avviene nelle gare estive presenta  salite impegnative e discese ardite lasciando poco spazio alla corsa “facile” della pianura.

E’ sempre un bellissimo tuffo nel passato partecipare alle gare senza chip, appuntare il pettorale, adottare il sempre valido sistema dei premi a categoria con il foglietto consegnato all’arrivo …

CurvaSoloPer quel che riguarda la mia gara ho rivissuto in tutti i sensi gli “antichi fasti” dominando il primo chilometro come battistrada solitario, vivendo oltre l’adrenalinica sensazione di “onnipotenza” anche la leggera angoscia di capeggiare su un percorso sconosciuto e ad ogni incrocio pensare :” E ora dove vado”??

Per fortuna c’era il gruppo ciclistico che con estrema disponibilità si è offerto per indicare il percorso.

Meravigliose sensazioni e la voglia di tenere fino alla fine un’andatura non impossibile ma per me “proibitiva” con la preparazione che ho attualmente sulle gambe.

E poi il pensiero … se fosse stata tutta piatta l’avrei vinta!

Ma alla prima salita si inizia a ridimensionare le aspettative, che mano  mano che il percorso si “innervosisce” passano da, primo assoluto, almeno nei primi tre … dai la categoria si puo’ fare …

Ma più si sale e più la mia classifica peggiora, così come la mia respirazione che passa dall’affannato all’agonizzante!!!

E dopo un piccolo sogno di gloria si torna a pensare alle finalità di questo gara : “Nessuno si lamenterà della propria fatica perchè quella fatica e quel sudore saranno un DONO per Luca ed il suo inesauribile amore per la vita e le persone”.

Questo è quel che mi sono ripetuto percorrendo le ultime salite durante e dopo il tratto sterrato ed è il messaggio che voglio riportare a chi mi legge, a chi frequenta i miei allenamenti e chi a volte si lamenta per futilità !!!

Correre è un privilegio, un dono meraviglioso che dobbiamo preservare e soprattutto meritarci!!!

L’arrivo mi sorprende, mi aspettavo una rampetta che ho percorso durante il riscaldamento e invece si e’ arrivati lisci dritto per dritto in pianura, almeno gli ultimo 200 metri sono stati “facili”!!!

Meraviglioso ricevere la medaglia al collo, direttamente da Laura!!!

Come faccio sempre mi complimento con coloro che sono arrivati prima, con il nostro Orange che ha vinto la categoria e che in questo periodo va molto forte Alessandro Ventura , e sopratutto  con il sorprendente Massimo Trebeschi che sta vivendo un momento di forma strepitoso e lo vedo arrivare pochi secondi dopo di me, probabilmente se non avessi tirato i primi chilometri mi avrebbe anche superato !!!

Complimenti Massimo, quando la condizione è a questi livelli va sfruttata al meglio!!!

Ricco ristoro post gara e poi cerimonia di premiazioni che non ho potuto seguire per due motivi, il primo è che avevo un impegno successivo, il secondo ma non meno importante è che non sono rientrato in nessun premio !!!

Ma ci tengo a ribadire che in queste manifestazioni solidali, genuine, dove il fine è sostenere la ricerca e sensibilizzare l’opinione pubblica , partecipare è una bellissima vittoria!