200, 1000 … Compleanni

regalo

Premessa

E’ una mia fortissima considerazione nella quale credo fermamente : “Correre veloce e correre bene … migliora”!!!

Puo’ sembrare lapalissiano ma non lo è affatto … non è facile correre veloce, curare al meglio la spinta, l’appoggio in modo da facilitare al massimo l’azione della corsa , migliorare il gesto atletico e quindi abbassare notevolmente il tempo impiegato!!!

L’unico problema è il fiato corto! Correre veloce produce uno scompenso anaerobico ma sopratutto una difficoltà respiratoria sulla quale bisogna lavorare … e molto!

Ma quando si impara a correre bene e veloce tutto diventa più facile! Del resto correre piano crea molti problemi muscolari  e soprattutto il passo non è fluido e in spinta, ma si trascina il corpo producendo notevoli possibilità di infortunio!

 

Obiettivo

E allora, dopo aver percorso e macinato chilometri è ora il momento di lavorare sulla forza, e quindi sulla velocità! 

Per questo l’allenamento di oggi propone un lavoro apparentemente facile ma notevolmente impegnativo se svolto nel giusto modo. 

Come si effettua un allenamento in modo corretto???

Per prima cosa non ci si lamenta dei dolori, dei problemi, delle difficoltà, si espone il sorriso migliore e si entra nel magico mondo della piacevole fatica!

Allenamento Odierno

Quindi riscaldamento e poi andature che sono fondamentali per migliorare il gesto atletico e la coordinazione e quindi le ripetute!

Cosa c’è in programma oggi???

   5 x 200mt RGP [30″] 

         1000mt RG* [1’30”]

  6 x 200mt RGP [30″] 

Che si legge in 5 ripetute di 200mt veloci, non certo come un 200mt secco, ma con un ritmo tirato. Ognuno ovviamente ha il suo tempo di tabella da rispettare. Dopo ogni ripetuta 30″ di recupero passivo, ovvero stando fermi.

Poi un bel mille a Ritmo Gara, ovvero la migliore andatura che si potrebbe tenere in una 10Km ma l’asterisco sta ad indicare di andare anche leggermente più veloci. Dopo il mille 1’30” di recupero passivo

Ed infine altre 6 ripetute di 200mt veloci. Dopo ogni ripetuta 30″ di recupero passivo

 

Spiegazione Allenamento

Perchè questa sequenza?

La prima serie dei 200mt serve a portare alti i battiti, quindi alzare il Ritmo e con esso tutti i livelli fisiologici per arrivare a correre il mille successivo in una condizione di sovraffaticamento “relativo” simulando quindi una fase centrale si una gara di 10km.

L’overtraining simulato dai 5x200mt iniziali comporta nei 1000mt successivi la possibilità di scomporsi, di correre in forzatura, quindi non facilitando l’azione di spinta. Si tende a portare avanti il collo piuttosto che lavorare sulle braccia e quindi sul giusto Ritmo da imporre all’appoggio che deve essere ciclico estendendo la falcata e rimbalzando sulla superficie di contatto per ricevere dalla pista l’energia di ritorno.

Invece bisogna controllare il gesto atletico, evitare sforzi inutili e concentrarsi sull’azione “pulita” della corsa. Correndo bene non solo tende ad azzerare gli attriti ma si imprime maggiore spinta migliorando notevolmente i tempi e soprattutto fornendo al cervello impulsi positivi, allontanando la sensazione di fatica!

Dopo il mille, che risulta essere il massimo assoluto della curva Gaussiana dell’intensità prodotta da questo allenamento … si torna a correre in velocità, vivendo le piacevoli sensazioni che fornisce la parte dell’allenamento che segue il momento di maggiore sforzo. E quindi sicuramente tutti a correre con una maggiore leggerezza mentale!

Questa ultima serie di 200mt, corsa sempre in apnea, è la fase dove si deve controllare al meglio lo stile di corsa e soprattutto non deve perdersi la concentrazione!

Oggettivamente non sono molti chilometri, nel totale solamente 3200mt ma correre a lungo tapascionando non fornisce nessun valore aggiunto, mentre l’intensità, la forza, la concentrazione sono le basi per migliorare a tutti i livelli, nello stile, nei tempi e soprattutto nella consapevolezza dei propri mezzi reali!

Dopo le ripetute, defaticamento e stretching e inevitabile la foto!

Un allenamento DEVE essere sempre composto dalle fasi fondamentali che non vanno MAI trascurate!!! 

  • Riscaldamento
  • Andature
  • <Core> (lavoro programmato)
  • Defaticamento
  • Stretching
  • Foto

Trascurare anche solo uno di questi punti puo’ compromettere seriamente l’intera seduta di allenamento!

Post Allenamento

Oggi ci sono stati i ritorni graditi di Claudio e Nadia, e soprattutto la presenza di Claudia che ha voluto festeggiare uno dei suoi tanti compleanni insieme al gruppo!

Cosi come nostra abitudine ci siamo riuniti nel nostro AnfiTeatro per brindare ai suoi primi …anta anni!!! 

Tanti Auguri di cuore Claudia e grazie per le delizie offerte! 

Come succede spesso il gruppo, grazie alla collaborazione di Fabrizio che è il nostro ludoManager  ha omaggiato con  regalo simbolico ma fatto con il cuore la nostra Claudietta!!!

Questo è il ForresTeam , Allenamento in gruppo, passione …  condivisione!!!

Dajeeeeeeeeeeeeeee